Il bambino con il pigiama a righe (Mark Herman, 2008)

di Francesca Fichera. “Olocausto” – dal greco  ὅλος (intero) e καίω (bruciato) – è un termine che fa riferimento ad un’antica pratica rituale di stampo religioso: una cerimonia dove, per l’appunto, l’animale prescelto veniva completamente arso per essere poi offerto in sacrificio al dio di turno. “Shoah“: in lingua ebraica sinonimo di “distruzione”, “catastrofe”. Una volta chiarite queste basilari differenze, etimologiche solo all’apparenza, possiamo proseguire nell’analisi … Continua a leggere Il bambino con il pigiama a righe (Mark Herman, 2008)

ROMA7: 1942 (Feng Xiaogang, 2012)

1942: la Cina che non dimentica – di Fausto Vernazzani. Il più grande merito di Marco Müller è quello di aver modificato le aspettative del pubblico del Festival Internazionale del Film di Roma, portando la gente a capire che per intrattenersi non è necessario affidarsi alle produzioni Made in Usa quando il cinema asiatico è così bravo a provvedere lavori altrettanto buoni e spesso dalla … Continua a leggere ROMA7: 1942 (Feng Xiaogang, 2012)

La Passione di Frannie per quel gibbone di Mel

di Francesca Fichera. In prossimità delle vacanze pasquali la mia già provata memoria mi riconduce a una notte buia e tempestosa di pochi anni fa, quando la televisione a pagamento conosceva ancora il senso dell’alternanza e non mandava programmazioni in loop: quella sera, classico momento del “non-ho-un-c***o-da-fa’-quindi-accendo-la-tv”, mi capitò ‘fra le mani’ La passione di Cristo di Mel Gibson. E ciò mi spinge, ancora adesso, a distanza di tempo, a dire: … Continua a leggere La Passione di Frannie per quel gibbone di Mel

Shanghai

Shanghai (Mikael Håfström, 2010)

Sherlock Holmes a Shanghai – di Roberto Manuel Palo. Da Shanghai, un film con John Cusack, Gong Li, Chow Yun-Fat e Ken Watanabe, ti aspetti almeno tre cose: botte da orbi, combattimenti spettacolari e sparatorie mozzafiato con tanto bullet-time, divertimento tamarro allo stato puro. Poi si va a leggere il regista e leggi Mikael Håfström e abbassi un po’ le tue pretese e pensi: “Va beh, … Continua a leggere Shanghai (Mikael Håfström, 2010)

13 Assassini (Takashi Miike, 2010)

Un bagno di sangue esteticamente perfetto dai 13 assassini di Takashi Miike – di Fausto Vernazzani Lord Naristugu è tanto intoccabile quanto crudele e sanguinario. Stupro, omicidio, smembramento sono i suoi hobby e il suo scopo è quello di riportare la guerra in un Giappone che da decenni non versa più il sangue di nessuno dei suoi clan. In quanto fratellastro minore dello Shogun, Naritsugu è senza … Continua a leggere 13 Assassini (Takashi Miike, 2010)

Il gladiatore (Ridley Scott, 2000)

di Fausto Vernazzani. Per il vademecum “Come farsi odiare della gente”, dopo aver parlato male di Johnny Depp, avrei voglia di dire due paroline anche su un grande colosso del cinema contemporaneo. Parliamo dunque dell’intoccabile Il gladiatore, quel film che il 90% degli esseri umani di sesso maschile innalza a proprio film preferito – il restante 9% è V per Vendetta, in quell’1% c’è tutto il resto. Al … Continua a leggere Il gladiatore (Ridley Scott, 2000)