Furious Seven - CineFatti

Furious 7 (James Wan, 2015)

Dom Toretto e i suoi oltrepassano i limiti dell’assurdo

Salivano in auto, computer di bordo a destra e sinistra, NOS pronti all’accensione e corse in CGI alternate a scorci reali. Queste erano “tanto tempo fa” le gare di Paul Walker e Vin Diesel in The Fast and the Furious, un percorso che abbiamo ricordato con le nostre dieci scene preferite del franchise Universal ispirato a un cult come Point Break di Kathryn Bigelow.

Oggi il rombo dei motori è mutato, sono passati in secondo piano per favorire l’evoluzione apportata con gradualità da Justin Lin: azione a tutto spiano in Furious 7.

Fast Five e Fast & Furious 6 sono dei gioielli dell’action, non curanti della realtà e di cosa è impossibile hanno ribadito la scelta di intrattenere evitando il filone del realismo tanto promosso da Berg, Greengrass e Liman, perseguendo uno stile anni Ottanta portato ai budget colossali del presente. Il figliol prodigo dell’horror James Wan passa dalla Blumhouse, dove ha diretto Insidious e L’evocazione tra i vari, e incontra il team di Lin là dove lo avevamo lasciato in Fast & Furious 6: la famiglia ora vive in pace, ma il pericolo è nella vendetta degli Shaw.

Jason Statham è Deckard Shaw, fratello ancor più cattivo di Owen, il villain del precedente film, un ex soldato delle forze speciali di Sua Maestà deciso a far fuori uno ad uno gli amici di Dominic Toretto/Diesel. Così Wan riallaccia Tokyo Drift alla linea temporale attuale, partendo dalla morte di Han (Kang) a Tokyo per arrivare allo scontro diretto con gli altri membri del gruppo rimasti negli Stati Uniti. La guerra tra il team di Toretto e Shaw si amplierà, coinvolgendo come alleati i servizi segreti USA (Kurt Russell) e inimicandosi terroristi micidiali.

Poche chiacchiere

Wan non aumenta e non riduce le assurdità dei predecessori, ne modifica invece lo stile, rendendolo ancor più vicino all’azione del cinema asiatico – di cui lui non è parte, non facciamoci ingannare dal nome – in alcuni punti portandosi verso il raffinato stile di Gareth Evans, in particolare nei combattimenti corpo a corpo.

Indimenticabili la lotta tra Dwayne Johnson (meno presente, purtroppo) e Statham nei primi quindici minuti e il doppio incontro tra Paul Walker e Tony Jaa, ma non da meno è anche il faccia a faccia armati di spranghe di ferro tra Diesel e Statham.

Visualizza immagine di origine

Chi è amante dell’azione, i nostalgici di Arma letale per esempio, non sarà deluso, tanto meno chi con passione ha approvato il cambiamento di forma della saga più redditizia mai prodotta dalla Universal. In 140 minuti non c’è molto tempo per annoiarsi, anche i dialoghi sono notevolmente ridotti e del resto nessuno vuole un monologo di Vin Diesel.

Un ultimo quarto di miglio

Ma la parte migliore di Furious 7 è il finale, di cui si parlerà a lungo nel 2015 e oltre, qualcosa che sino ad oggi non si era mai visto: oltre 10 minuti sono dedicati allo scomparso Paul Walker, morto a 40 anni in un incidente d’auto in un momento di pausa dalle riprese del film.

Metacinema dove non te l’aspetteresti: Vin Diesel, Tyrese Gibson, Ludacris, Michelle Rodriguez sulla spiaggia guardano da lontano il loro amico Brian e la sua compagna filmica Jordana Brewster e insieme si godono il meraviglioso spettacolo prima di un ultimo quarto di miglio insieme all’amico Paul, perché Brian ormai non è più.

Visualizza immagine di origine

Un saluto commovente, delicato e anche romantico come non se ne vedono mai, per un uomo che non era solo un collega di Diesel, ma un amico suo e dell’intero team. Senza Walker le cose non saranno più le stesse ed è vero: Fast & Furious 8 sarà un nuovo passo in avanti verso la terza fase del franchise, talmente potente da poter essere il primo miliardo mai incassato dalla Universal Pictures, uno studio a cui bisogna stringere la mano per aver approvato questi 10 magnifici minuti, toccasana per fan e non.

Fausto Vernazzani

Voto: 3.5/5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.