Dear Basketball - CineFatti

#InCorto: Dear Basketball (Glen Keane, 2017)

Dear Basketball, scrisse Kobe Bryant

Miglior Corto animato agli Oscar 2018Dear Basketball colpisce innanzitutto per due cose, la prima delle quali sta in un nome: Kobe Bryant. È lui a creare e narrare – come ricordano i titoli di coda – con la supervisione di Glen Keane, l’aiuto di Brian Hunt e l’accompagnamento musicale di sua maestà John Williams.

Primo atleta NBA a ricevere una nomination dalla Academy, Kobe si lancia in questo brevissimo one man show per riscrivere il proprio addio al basket dopo vent’anni di onorata carriera. Riscrivere: avete capito bene.

Poesia in sospensione

Il testo che udirete in sottofondo a Dear Basketball, reso pubblico già diversi anni fa da The Players Tribune, altro non è che una poesia scritta da Bryant in persona. Che da autore diventa anche lettore, come testimonia l’inconfondibile voce narrante giustapposta alla melodia di Williams.

A questo punto vi sarà abbastanza chiaro che non c’è da aspettarsi niente di sorprendente in termini di azione: la sceneggiatura è quasi tutta lì, nello spazio invisibile e statico fra didascalia e immagine, commento e (di)segno.

Essenziale è bello

E tuttavia il commovente dinamismo di Dear Basketball sorge dalla stessa pacatezza dei suoi toni, dall’apparente immobilità formale – e in parte anche tematica – del concept da cui nasce: l’appassionata dedica di un bimbo di sei anni così innamorato / da non vedere mai la fine del tunnel / ma solo se stesso / correrne fuori.

Quando la star dei Lakers annunciò il proprio ritiro aveva trent’anni in più, ma grazie alla splendida visualizzazione realizzata da Keane si riesce a dimenticarlo: il bambino genera l’adulto, l’adulto si mescola al bambino e non si ha bisogno di sapere altro.

Come bozzetti in successione i volti sfumati a matita cessano di distinguersi, parte di un unico viaggio – e di un unico abbraccio – all’interno del tunnel, da una piccola stanza illuminata al grande campo da basket inondato di folla e di coriandoli. Love you always, dice alla fine Kobe e, che vi piaccia o no la pallacanestro, il suo messaggio farà comunque centro.

Lo trovate QUI.

Francesca Fichera

Voto: 3.5/5

Un pensiero su “#InCorto: Dear Basketball (Glen Keane, 2017)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.