La canzone del mare

La canzone del mare (Tomm Moore, 2014)

La canzone del mare che dovete ascoltare – di Francesca Fichera.

Tomm Moore scrive dolci e lente ballate impastando il suo inchiostro con la terra d’Irlanda. Lo aveva già fatto nel magnifico Secret of Kells, è tornato a farlo con La canzone del mare (Song of the Sea), luminescente favola ispirata ai miti irlandesi.

Tutto ha inizio in una notte buia e tempestosa, durante la quale il piccolo e tenero Ben (David Rawle) viene accompagnato a letto dalla bella madre Bronach (con la voce della cantante Lisa Hannigan) sulle note di una ninna nanna epica custodita dalle conchiglie.

È l’ultimo incontro fra mamma Bronach – in dolce attesa – e la famigliola di Ben: la donna, colta dalle doglie, scompare nella furia della bufera per non fare più ritorno. Col passare degli anni, grazie alle cure del padre Conor (Brendan Gleeson di nome e di faccia), il bambino è cresciuto, e non da solo: accanto a lui, figlia di quella nottata orribile, la muta Saoirse (Lucy ‘O Connell), ossessionata dal mare.

I mondi magici di Moore

Ritmi solenni e suoni di cristallo accompagnano i tratti spigolosi e al contempo tondeggianti dell’animazione di Moore, che prende a piene mani dal vasto bacino delle leggende del suo posto d’origine e vi si immerge come una bimba tra i flutti.

Così scoprirete chi era il gigante Mac Lir e come arrivò a piangere “un intero oceano”, cos’è una selkie e qual è il suo destino, che significa avere una storia per ogni capello alla stessa maniera del vecchio (e simpatico) Seanachai delle foreste.

Familiarizzerete con i nomi e le sonorità della tradizione gaelica, dal dolore annidato in brónach alla splendida sorte di libertà adombrata da soirse. E, contro sfondi iridescenti disseminati di simboli antichi come di riferimenti artistici (soprattutto a Paul Klee), avrete modo di esplorare la sottile e fragile terra di confine fra gioia e malinconia.

La realtà dei sogni

Perché La canzone del mare è una storia verosimile che trae la propria linfa vitale dalla materia di cui siamo fatti: il sogno, l’immaginazione. Ci ricorda il potere della finzione, che è quello di allontanare la realtà per permetterci di osservarla da un punto di vista privilegiato. Per liberarci dal peso delle prove che ci impone con il sacro esorcismo del racconto e della musica.

Disperdendo ogni lacrima fra le onde.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.