MM - 10 film da regalare

10 film da regalare

Il cinema è un dono: 10 film da regalare.

Qualcuno ha detto che regalando ciò che si vorrebbe ricevere non c’è pericolo di sbagliare. Salvo le dovute eccezioni, aveva proprio ragione; forse perché le dimostrazioni di affetto – ma solo quelle spontanee – seguono una rete di corrispondenze che ricalca – da lontano o da vicino, a seconda dei casi – le affinità elettive di goethiana memoria.

Dunque, visto che oggi chi vi sta scrivendo compie gli anni (inutile che chiedete quanti, sono all’antica e non lo dico!), l’idea qui proposta è quella di mettere insieme 10 film che sarebbe bello regalare a qualcuno. O ricevere: è la stessa cosa.

10 titoli tanto da impacchettare quanto da scartare perché sono opere significative, perché possono o vogliono trasmettere qualcosa di personale, perché rappresentano una delle prove migliori di un regista come di un’intera corrente artistica… o perché, semplicemente, piacciono a Frannie.

Diteci se piacciono anche a voi (o se ne incartereste altri).

Rashomon

È il primo che viene in mente: lezione di poesiadi cinemadi umanità. Uno di quei film a cui il titolo di capolavoro, per una volta, calza senza sprechi o errori. E che brilla fra le stelle più luminose del firmamento cinematografico ricreato dal maestro della regia Akira Kurosawa.

Monsters

Prova di genere fantascientifico, a firma di Gareth Edwards, che supera ogni aspettativa [e se volete saperne ancora di più basta un clic sul titolo, nda], è una vera e propria dichiarazione d’amore all’amore stesso. Con un finale che farebbe battere il cuore anche alle pietre.

Si alza il vento

Immancabile, per gli appassionati come per i neofiti, l’addio alla regia di Hayao Miyazaki, mito vivente del cinema d’animazione: “sintesi del precedente sia fondamentale aggiunta, ultima frase necessaria” [il resto nella recensione, consultabile con un clic sul titolo, nda], il suo ultimo film da regista è un commovente manifesto cinematografico per la pace.

Stand By Me

Sulla caducità dell’amicizia e, insieme, sulla bellezza inattaccabile dell’infanzia, di ciò che è stato e non sarà più, Stephen King ha scritto il suo poema e Rob Reiner si è preoccupato di trasformarlo in immagini. Quando lo donerete a un vostro caro amico ricordatevi di allegare un pacchetto di fazzoletti (o consigliategli di utilizzarlo, ché sennò pare brutto).

Un tram che si chiama desiderio

L’aver dato l’opportunità di guardare un Marlon Brando in stato di grazia (sotto ogni punto di vista, specialmente fisico!) e una Vivien Leigh a dir poco leggendaria nell’adattamento di una straordinaria opera teatrale è qualcosa per cui vi porteranno sempre e solo gratitudine. E poi, non si può mica campare senza aver urlato “STELLA!” almeno una volta…

Her – Lei

Corpi e non-corpi, solitudine e isolamento, amori passati, presenti e futuri: questa storia scritta e diretta da Spike Jonze è una vera delizia per gli occhi e per l’anima, un capolavoro della post-cinematografia, da vedere, rivedere e appuntarsi sul cuore [p.s. affettuoso: se cliccate sul titolo, vi dirò qualcosa in più! nda]

Saving Mr. Banks

Questa pellicola, bisogna dirlo, è espressamente per i papà: per chi non lo sapesse [ed è spiegato tutto nella recensione cliccabile dal titolo, nda] racconta il making of del capolavoro disneyano di Mary Poppins, la storia dietro la storia della scrittrice Pamela Travers e del suo passato. Dolcissimo, coloratissimo e che fa commuovere, davvero tanto.

Melancholia

Per chi ama Lars Von Trier e il cinema d’autore che diventa arte pura: l’umanità e la sua Apocalisse in una visione tecnicamente ed emotivamente devastante, con uno fra i prologhi più magnificenti mai realizzati nella storia della Settima Arte. Si ama o si odia? Noi l’abbiamo amato [e basta cliccare sul titolo per capire come mai, nda]

The Babadook

Ce n’è (ce ne deve essere per tutti i gusti), e gli amanti dell’horror e dell’inquietudine non rimarranno delusi dal quasi-cult di Jennifer Kent [per la recensione, solita storia! nda]. E poi, se con Saving Mr. Banks si accontentano i papà, con questo film si dice tanto anche alle mamme. Su tutto l’amore che (r)esiste nonostante le difficoltà.

Snowpiercer

Chiudiamo in bellezza con un’altra opera di fantascienza. Di quelle uniche, che sanno immortalare il nostro tempo nascondendo il presente nel futuro. Da graphic novel a film grazie a Bong Joon-ho, e con un cast d’eccezione, da Chris EvansTilda Swinton passando per Octavia Spencer. Fidatevi, farete il botto.

Francesca Fichera

2 pensieri su “10 film da regalare

  1. La messa è finita, magnolia, il giovedi- un risi di poca fortuna ma bellissimo-, romanzo popolare, le onde del destino, bianca, profondo rosso, i saw the devil, ottobre,pat garret e billy the kid

    Mi piace

    1. Una top ten molto ‘da te’- e su quello di Risi ammetto la mia totale ignoranza, quindi la prendo come una dritta e ti ringrazio assai assai!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.