5 momenti per imprecare con James Wan

di Francesca Fichera.

Premessa: sarebbe stato più carino poter scrivere “kitemmuorto” al posto di “per imprecare” nel titolo. Ma poiché bisogna conservare quel minimo necessario del proprio buon nome per andare avanti, ci si accontenterà di vederlo figurare solo in anteprima. Però, cacchio, dovete ammetterlo: come si spaventano i napoletani, nessuno.

Sono gli unici che quando hanno paura fanno ridere.

E fra loro s’auto-include la sottoscritta, un po’ perché a Napoli c’è nata e un po’ perché, anche se così non fosse, il suo modo di spaventarsi avrebbe sempre un che di comico. Forse per natura. Com’è pure – e d’altra parte – naturale la sua passione per l’horror: indomita prima, masochista poi. Dato che, con l’avanzare dell’età, è aumentata anche la consapevolezza che l’horror mal s’accordi con un certo tipo di (iper)sensibilità. Pur restando uno fra gli anti-stress migliori. Ed è principalmente per questo che alle seguenti scene tratte dai film di James Wan, uno dei registi più bravi nel campo, il kitemm… cioè, l’imprecazione e l’annesso salto sulla sedia sono subito scattati: 5 momenti scelti con cura (e pure con non poca fatica).

5. Partiamo con il più recente – da molti ritenuti anche il più riuscito – The Conjuring (L’evocazione) e con una scena che ha suscitato brividi, pelle d’oca e scariche di adrenalina anche nei tamarri dalla scorza più dura (fonte: esperienza personale e diretta).

4. Meno originale e a suo modo più rozzo il precedente Insidious, di cui è da qualche tempo uscito il sequel, e che NON ci risparmia un momento di letterale orrore e raccapriccio con acrobazia da poltrona:

3. Ma ritorniamo un attimo a The Conjuring, perché c’è ancora qualcosa da mostrare per zompare tutti insieme in allegria:

2. In realtà però, e senza ragioni oggettive, il film di James Wan che più ha terrorizzato chi vi scrive è ancora più antico e si chiama Dead Silence. Da questo diventa necessario citare addirittura due sequenze, fra cui quella con cui comincia questo trailer e che è anche una delle prime della pellicola (in contraddizione con il consueto stile del regista):

1. Il podio non può che meritarlo lei, la detestabile pupara Mary Shaw, la cui immagine bidimensionale ha meritato ogni singola cuscinata propinata dalla sottoscritta per sfogare lo spavento [non si trovava video migliore, pardon per la qualità bassa]:

p.s.: lo scherzetto di Halloween era d’obbligo, no? ;)

Un pensiero su “5 momenti per imprecare con James Wan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.