Cold War - CineFatti

Cold War fa rima con amor

Da Ida a Cold War, la Storia in 4:3

Chissà se quattro occhi sono meglio di due quando si tratta di fare da testimoni alla Storia. 

Cold War lascia il quesito in sospeso, preferendogli un ballo lento e senza appigli.

Dall’autore di Ida e My Summer of Love arriva un secondo racconto in bianco e nero degli eventi che hanno segnato l’Europa novecentesca, un racconto visto e vissuto dall’interno del doppio sguardo di due amanti.

L’eleganza del polacco

Per Pawel Pawlikoski tempo e immagine sono in 4:3, scanditi dalla musica e dall’eleganza.

Tutto comincia a svolgersi in una Polonia post-bellica e rurale macchiata di fango, dove volti arrossati e ingenui cantano alla macchina da presa le note di una tradizione lontana; la stessa che l’accademia artistica di Wiktor (Tomasz Kot) vuole riportare al centro della vita del Paese.

E poi c’è una ragazza bionda che sembra uscita dalle tavole di Milo Manara e, cantando, colpisce e affonda: si chiamerà Zula (fuori dal film è Joanna Kulig) e porterà la patria fuori dai suoi confini.

Ars amandi

Dalla persecuzione degli ebrei di Ida si passa a quella degli emigrati in Cold War, narrazione sottile e implicita tessuta intorno alla cortina di ferro.

Wiktor e Zula si amano di un amore folle e intermittente come il viaggio che la loro terra d’origine – bella e perduta, citando Quinlan.it. – li costringe a intraprendere, e danzano sulle righe di una partitura cangiante che ad ogni tappa assegna una tendenza musicale e un mood diverso.

Inevitabile è allora l’unirsi di arte e passione, ciascuna il racconto dell’altra, bussole pazze nei labirintici corridoi della storia umana e dei suoi errori.

“Portami via da qui”

La ben più piccola storia di Zula e Wiktor però arranca prima di ingranare, il che avviene quando all’intermittenza della storia d’amore va a sovrapporsi, finalmente, quella del montaggio.

Ma la malinconia non basta a dar slancio a un film che per quanto eccellente sul piano della forma risente della sua stessa ricercatezza, il vero muro fra cuore e mente.

Finale a parte, con quel campo che svuotandosi riscalda e gratta dentro, Cold War resta freddo come la guerra sul suo sfondo.

Francesca Fichera

Voto: 3.5/5

3 pensieri su “Cold War fa rima con amor

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.