Hell or High Water - CineFatti

Hell or High Water (David Mackenzie, 2016)

Hell or High Water: un western col passamontagna.

Questi ragazzi sono tutti soli“. Hell or High Water, non c’è alternativa. Come nelle canzoni di Cash o Bob Dylan (qui sostituiti da Nick Cave).

Così Jeff Bridges definisce i mandriani al margine delle terre in fiamme, in fuga coi loro pascoli. Ha due ladri da rintracciare (Ben Foster Chris Pine, anche se ancora ne ignora l’identità) ma non rinuncia a guardare l’insieme. E l’insieme è fatto di ampie distese dorate, cieli turchesi, fioriture di nuvole, lunghe distanze, grandi solitudini.

Dopo Il ribelleYou Instead e soprattutto Perfect SenseDavid Mackenzie rompe il silenzio irrompendo nelle silenti pianure del Texas. In un mattino qualsiasi, con un piano-sequenza pervaso dal sole e dall’attesa, sui passi di un’ignara impiegata bancaria. La mano invisibile di Hell or High Water sa già quale lembo tirare, come rapire, dove colpire.

Storia di una camicia a quadri sotto la felpa

Tanner (Foster) e Toby (Pine) sono la chiave, con un legame di sangue, un terreno, una storia di miseria e due indimenticabili occhi chiari da condividere. Il primo è più irruento, dichiaratamente “sporco”, colpevole; il secondo, nella sua apparente purezza, rivela d’essere non meno implacabile.

Insieme, in combutta, mandano avanti un piano viaggiando eticamente e fisicamente al confine. Da una banca all’altra, guardando all’orizzonte attraverso i vetri di una macchina sempre diversa. E con alle costole Marcus Hamilton (Bridges) e Alberto Parker (Gil Birmingham), fra i pochi veri credenti rimasti in un’America che ha finito con lo svuotare la stessa liturgia del dovere cui si professa devota.

Quartetto western

Ma, a conti fatti, succede anche a noi di restare al confine. Senza stabilire una sincera e profonda empatia con i ladri, ma drizzando le antenne ogni volta che appaiono in scena. Mentre l’altra coppia del quartetto, quella più anziana e posata, abbassa la voce e il ritmo della storia, quasi come se Hell or High Water volesse sbilanciarsi, prendere una posizione fra parti, se non uguali, essenzialmente simili.

E in realtà, mostrandoci questi stati uniti dalle armi in tasca, dal grilletto facile, dalla legge del taglione, fa anche di più. Sebbene poi lasci un margine fin troppo largo a ipotesi e pensieri giustificatori.

Però il Mackenzie ispirato di Hell or High Water prova, almeno, a porre il problema. In un modo funzionale, garbato, coinvolgente. Garantendo un bagno completo in un mondo altro (bello a vedersi, grazie soprattutto a Giles Nuttgens) dove l’amara realtà del Guardie e ladri monicelliano non prova neppure più a far ridere.

Questo è un fatto.

Come lo sono gli scambi fra Pine e Foster, le loro biascicate parole, mangiate e risputate, i sensi e i segni di un luogo lontano che vi sembrerà di vivere dall’interno. Com’è l’irripetibile sguardo di Jeff Bridges, sagoma a guardia di un intero deserto di ingiustizie fotografata da un controcampo eccezionale, col cappello in punta di scarpa. Da Oscar.

Francesca Fichera

Disponibile in streaming su Netflix.

Un pensiero su “Hell or High Water (David Mackenzie, 2016)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.