Krampus - CineFatti

Krampus – Natale non è sempre Natale (Michael Dougherty, 2015)

Mai perdere fiducia in Babbo Natale, la morale del Krampus, il demone natalizio.

A Natale si può fare di più, invece secondo Michael Dougherty e la sua horror comedy Krampus -– Natale non è sempre Natale (quale sia il senso del titolo italiano lo lasciamo scoprire a Roberto Giacobbo) a Natale si deve fare di più. Perdere la speranza e rinunciare a credere a Babbo Natale è un peccato infernale.

Il Natale chiama sangue

Uscita in Italia totalmente fuori stagione – in DVD e Blu-ray in pieno maggio senza incursioni in sala – ci sembra giusto riproporla oggi, perché non è davvero Natale senza un horror in cui Babbo Natale o qualche suo compagno non commette una grande strage tra i mille colori di abeti e luci intermittenti.

Come Rare Exports, IL cult del sottogenere della nostra generazione, anche Krampus è una horror comedy per tutta la famiglia, soprattutto per quelle divise e con ben poca tolleranza per i propri parenti stretti, quale è appunto il caso dei nostri protagonisti, due nuclei agli antipodi.

Maledizioni senza tempo

Tommy (Adam Scott) e Sarah (Toni Collette) sono democratici benestanti con due figli, Max (Emjay Anthony) e Beth, mentre Linda (Allison Tolman) vive col marito repubblicano pro-armi e cafone Howard (David Koechner) e i quattro pestiferi figli, poco inclini a far amicizia coi più tranquilli cugini.

Per loro niente feste felici, dopo aver preso in giro il piccolo Max perché ancora convinto dell’esistenza di Babbo Natale, si scatena un’antica maledizione: chi ripudia il Natale con violenza attirerà il Krampus, l’ombra demoniaca di San Niccolò (descritta in un delizioso inserto animato), il cui scopo sarà portare uno per uno tutti i familiari all’inferno.

Attenti agli omini di pan di zenzero

A fare il lavoro sporco saranno le versioni diaboliche degli aiutanti di Babbo Natale, quasi tutti realizzati con dei bellissimi effetti pratici, a loro modo terrorizzanti: piccoli omini di biscotto, orsacchiotti con denti affilatissimi, enormi vermi giullari e miriadi di elfi violenti dietro le enormi corna del temibile Krampus.

È un film divertentissimo, sin dai suoi titoli di testa, con musiche allegre sullo sfondo dei classici litigi nei centri commerciali, con molta tensione da costruire e la sua serie di scelte assai note, ma utilizzate con rispetto e tanta autoironia quando è dovuta. Una visione perfetta per le feste più “gioiose” dell’anno, garantiscono le zanne dell’orsetto.

di Fausto Vernazzani

Voto: 3/5

3 pensieri su “Krampus – Natale non è sempre Natale (Michael Dougherty, 2015)

    1. Ebbene sì, si vede che gli piace trarre horror dalle feste :P Ora bisogna capire se la prossima sarà la Befana o direttamente il Coniglio Pasquale!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.