Darling - CineFatti

Darling (Mickey Keating, 2015)

L’incubo in bianco e nero di Darling – di Francesca Fichera.

I presupposti di Darling sono immediatamente chiari: vecchie storie di fantasmi. Una casa che forse è infestata. La sua precedente inquilina morta suicida. E la proprietaria che rifiuta di dire perché la porta in fondo al corridoio deve rimanere chiusa.

Lauren Ashley Carter è la Darling del titolo, unica abitante di un incubo privo di colori. I suoi occhi si sgranano, indagano il buio, guardano in camera. Mentre l’abisso li chiama. Mentre Mickey Keating cuce attorno a loro un mondo sinistro, fatto di rumori, sussurri, piccoli presagi nascosti.

Spaventosa eleganza

Come nei brutti sogni, non c’è tinta che tenga: la vera paura viene da ciò che si intravede. Dietro le tende delle docce, sui fondi degli specchi, nelle linee invisibili tracciate fra un dettaglio e l’altro di una scena quasi perfettamente simmetrica. Proprio come in Darling.

Il suo bianco e nero da copertina (Mac Fisken), versione horror dell’omaggio alleniano ai grattacieli di Manhattan, sospende il tempo del film fino a scriverne l’atmosfera. Che significa visioneossessione, viaggio notturno in un labirinto senza luce. Una spirale del terrore nel suo senso più stretto.

 Una curiosità del diavolo

Keating riesce a comporre la metafora ideale dell’incontro/scontro fra amore e morte; fra il “vecchio eros“- scintilla, voglia di spingersi oltre – e il violento termine di ogni cosa. Il primo corrisponde a quanto Stephen King, in Danse Macabre, ha posto alla base della sindrome del rallenta-e-guarda-l’incidente; il secondo è il mostro, o la qualsiasi creatura tenuta a spezzare per sempre il filo della vita e del desiderio.

E la scelta di mostrare o meno il volto del Male – è sempre King a dirlo – costituisce un fondamentale discrimine del genere dell’orrore. Dove Darling si va a collocare scegliendo di scardinare la porta chiusa a chiave e inquadrare solo chi la ha aperta.

Perché in realtà la mostruosità sta nell’insieme: nella casa, nei suoi suoni, negli improvvisi flash di follia, che spezzano la fissità delle attese e delle scene rielaborando il concetto di jump-scare. In questo film, nella sua haunted house, possiamo intuire benissimo il tipo di presenza che fa squillare il telefono e vibrare le pareti; non serve vederla per conoscerla, per temerla.

Sono le conseguenze il vero mistero, il terribile fantasma da cui, forse, è impossibile liberarsi. Motivo per cui la storia a più capitoli di Darling dà i brividi, ed ha tutte le carte in regola per diventare uno dei vostri film preferiti.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.