In the flesh

In the Flesh: gli Zombie riabilitati

In the Flesh: per gli zombie esiste una cura – di Fausto Vernazzani.

La televisione non è cinema e qui su CineFatti tenderemo sempre a preferire il secondo alla prima, ma in certi casi, come a tutti è ben noto, anche la scatola ha i suoi sprazzi non tanto di bellezza, ma di intelligenza e furbizia. I contenuti sono il punto centrale, l’aspetto grafico il secondario, ma la tecnica registica raramente viene a dire la propria con la forza a cui il grande schermo ci ha invece abituati.

Ieri il nostro Roberto ci ha parlato de L’occhio nel triangolo di Ken Wiederhorn, l’inizio sul nostro blog di una serie di recensioni sul cinema zombie – una tesi in tal senso è in fase di stesura -, ma la BBC ci è venuta in aiuto con una serie su questo delicato tema tanto di moda da quando la AMC ha lanciato il suo adattamento televisivo della graphic novel The Walking Dead.

Se la serie americana punta solo all’esibizionismo d’una serie di situazioni vuote e prive di commento sociale, il canale BBC Three prende una via simile al recente blockbuster Warm Bodies: la crisi è finita e gli Zombie sono in via di guarigione. Diretto dal regista televisivo Jonny Campbell, visto al cinema solo col buon Alien Autopsy, la miniserie in tre episodi si intitola In the Flesh ed è ambientata nella cittadina nordica di Roarton, un piccolo villaggio dove in seguito al risveglio dei morti è nato il primo gruppo di HVF, l’Human Volunteer Force, pattuglie di vigilanti che hanno agito per la difesa della popolazione in assenza degli aiuti governativi. Sono passati anni dalla crisi del 2009, migliaia i morti ed altrettanti i non-morti, ma una cura è stata trovata ed ora gli Zombie non son più chiamati “marci”, ma persone affette dalla Partially Deceased Syndrome.

Centri di riabilitazione sono istituiti, sempre più sono le persone rinate dal loro stato di incoscienza, incapaci di vivere come un tempo, devastati dal senso di colpa dovuto ai vividi ricordi dei loro momenti di “rabbia”. Il nostro protagonista è uno di loro Kieren Walker (Luke Newberry), tormentato dai ricordi della sua vita e della sua non-vita, costretto a rientrare in una società non ancora pronta a vedere i suoi partially dead tornare a casa, ma decisa ad eliminarli nonostante il Governo protegga i convalescenti. Non affatto una commedia, né un horror – nonostante certe scene facciano il loro “effetto” – , piuttosto un dramma figlio di una tradizione televisivo/cinematografica che da sempre ha distinto un certo tipo di produzioni britanniche per l’impegno sociale.

La tolleranza verso le minoranze, la paura dell’ignoto e la mentalità ristretta delle piccole comunità sono i temi su cui la miniserie si costruisce, quasi In the Flesh fosse uscito da un romanzo di Stephen King anziché dalla penna di Dominic Mitchell, anche lui esordiente come gran parte del cast principale. È andato dunque in onda ieri sera, 17 Marzo, sul canale BBC Three, impossibile dire quando sarà distribuito in Italia, né se mai lo vedremo, dato che in molti casi ci si ritrova con in mano il remake americano al posto dell’originale (come accadde per Life on Mars), ma dopo questo primo suggestivo e toccante episodio è lecito dire che in un modo o nell’altro In the Flesh deve essere recuperato e pubblicizzato, soprattutto tra le fila di quelle persone deluse dal vuoto totale di The Walking Dead e che da tanto tempo aspettava una serie come si deve a tema zombie.

 

2 pensieri su “In the Flesh: gli Zombie riabilitati

  1. Pingback: Resurrection

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.