BERLINO63: Gold (Thomas Arslan, 2013)

Non c’è spazio per il genere nel western tedesco Gold.

Un tempo si usava dire Don‘t Call Me Baby, oggi si è passati al Don’t Call Me Genre: il cinema di genere è visto da autori e fruitori dei festival come fosse la peste bubbonica. La novità dell’attuale Berlinale è un western tedesco, diretto dall’ancora no molto noto pupillo dell’Orso, Thomas Arslan, ma attenzione, non è un film di genere.

Gold è un film realista, formatosi sui diari e le foto degli stormi migratori d’America, in volo verso l’oro del Klondike – quello reso famoso da Chaplin e Zio Paperone.

Protagonista è Emily Meyer, tedesca come i suoi compagni di viaggio provenienti da ogni angolo degli Stati Uniti per aggregarsi alla spedizione di Herr Laser, deciso a portare i suoi clienti alla cittadina di Dawson, attraverso territori impervi e inesplorati.

Seguono poi i vari cliché, obbligatori, per rientrare nella “categoria”: il Cowboy coraggioso e intrepido in fuga, lo spaventato e il guastafeste spaccone di turno, l’imbroglione e la donna forte (Hawks?), la Nina Hoss tanto amata nel Barbara di Petzold, campi  lunghi e cure rudimentali.

Insomma niente di nuovo sulla frontiera occidentale.

Che fine ha fatto il coraggio?

Certo, nulla da dire contro la regia né contro la fotografia iper-realista di Patrick Orth, ma se i personaggi mancano di spessore – l’evoluzione è così lenta e poco motivata da stancare -, se si evita poi di scalare verso il genere a tutti i costi, qual è dunque il motivo per cui ci si dovrebbe interessare a Gold?

Difficile a dirsi, pare che la risposta debba però essere cercata nella fortuna della produzione nell’essere incappati nelle ottime location canadesi, ma un cielo spettacolare e un tramonto delicato son più merito di Madre Natura che della fotografia/regia.

Da promuovere è invece il cast, non solo importante con la presenza della Hoss, ma anche grazie a Marko Mandic (il Cowboy solitario) e Uwe Bohm (il giornalista fanfarone), entrambi parte di una compagnia credibile vestiti però di panni così reali e puliti da risultare noiosi all’occhio. Noiosi perché la sola sensazione è quella, in due ore di film sacrificate per la Competizione ufficiale della Berlinale.

Fausto Vernazzani

Voto: 2/5

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.