Berlino 63 - Berlinale Palast

BERLINO63: Giorno I – Il cielo e l'ansia sopra Berlino

BERLINO63: l’inizio – di Francesca Fichera.

Benvenuta, 63esima Berlinale (o 36esima, come detto da quella povera anima del presentatore scelto per introdurre la premiere stampa di oggi). Ti sei fatta desiderare, attendere e anche maledire, ma sai come ricompensarci – almeno a giudicare dalle tue 24 ore iniziali.

La strada per raggiungerti è impervia e piena di ostacoli: a cominciare dai tassisti che ti insultano se non lasci loro una mancia adeguata, piantandoti nel bel mezzo del nulla “perché a Berlino ci sono almeno cinque strade con lo stesso nome”. Passando per i proprietari di casa che organizzano improvvisate cacce al tesoro con in palio le chiavi dell’appartamento che hanno dato in affitto. Continuando con gli steward indemoniati dei musei, che ti strattonano e quasi ti menano per aver aperto accidentalmente la porta sbagliata. E finendo con i giornalisti italiani che, durante la PRIMA PROIEZIONE-STAMPA del Festival, già dicono di aver sonno.

Ma non faremo gli italiani che criticano gli italiani, perché è troppo italiano, e perché fuori la neve su Berlino è troppo bella per pensare alle cose brutte.

Questa città a pois di panna, così rigida ma anche così flessibile, che ci regala la 63esima edizione di uno dei Festival internazionali più stupefacenti del pianeta, è disseminata di Storia, nostalgia e forza. Pezzi di passato emergono casualmente dall’asfalto liscio delle sue strade geometricamente delimitate, pulite che manco la tavola di casa vostra, e intanto pretzel, ciambelle glassate, currywurst e chioschetti di cibo thai colorano di insegne e di odori tipici l’apparente grigiore circostante.

Torri di tavolette di Ritter attraversano i luoghi del festival , su tutti il Cinemaxxi, dove si svolge gran parte delle proiezioni. Una di queste – la prima per la stampa, che citavamo poc’anzi – è The Grandmasters di Wong Kar-wai, con Tony Leung Chiu-wai, Zhang Ziyi e Chang Chen, film d’apertura della manifestazione. Un lavoro di cui vi diremo presto e prima di entrare nel pieno della competizione ufficiale.

Ora ci aspettano dodici ore di lavoro e una Berlino che dai pois è passata alla tinta unita. Naturalmente bianca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.