Vittorio De Sica

Dialoghi sul cinema – Una lettera di Vittorio De Sica

“Cara Emi”, scrisse De Sica – di Francesca Fichera.

Nel 2014, Alberto Crespi ha curato per Edizioni Laterza una raccolta di Lettere dal set, scritte da Vittorio De Sica alla figlia Emilia. Cara Emi, sono le 5 del mattino… è il titolo, ma anche l’inizio di un’avventura inconsueta: un viaggio nel lato invisibile di un’arte fondata sul vedere.

Lettera del 16 giugno 1964 (dal set di Matrimonio all’italiana) 

Ieri, lunedì, sacrestia e matrimonio. La sacrestia e il corridoio sono stati affittati per un giorno al cinema per il compenso di 500 mila lire. I Padri Teatini che sono i padroni di S. Andrea della Valle passano nel corridoio, mentre gli elettricisti e i macchinisti fanno un chiasso del diavolo, con passo felpato e sorridenti […].

Nel cortile fa un fresco delizioso mentre fuori c’è la canicola. Le mura sono spesse e alte e il calore non penetra.

Il sacrestano che ho usato per la scena è il vero sacrestano della chiesa. Era rimbambito e portava un fazzoletto alla gola. Gli ho chiesto cosa avesse: “Ho mal di denti”. “E perché non va da un dentista?”. “E come faccio co”sti preti, che mi fanno veni’ alle 5 del mattino e me tengono qua fino alle 9 di sera. È peggio de ‘na caserma. C’è la disciplina peggio de là”.

C’è un undicenne che fa anche il chierichetto. Ha voluto gli autografi e mi ha detto che uno di quei preti che mi ha salutato con un grosso inchino è uno stupido. E alla fine della giornata ha dichiarato:

“È così il cinema?

Che disgraziati che siete! Dieci ore di lavoro, sempre a ripete’… a ripete’. Ma nun ve rompete i c…?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.