Ingmar Bergman - CineFatti

Dialoghi sul cinema – Ingmar Bergman e i sogni

L’incubo ricorrente di Ingmar Bergman – di Fausto Vernazzani.

Nel 1987 lo svedese Ingmar Bergman pubblicò la sua autobiografia: Lanterna magica (Garzanti, 2008). Non somiglia ad altre scritte dai suoi colleghi, Bergman legge la sua vita come un racconto e così la restituisce su carta. C’è un particolare passaggio che colpisce. A pagina 159 esordisce con queste parole: “Ho dei sogni ricorrenti. Il più frequente ha a che fare con il mio lavoro: sono nello studio cinematografico e devo preparare una scena“.

Un’introduzione a un piccolo capitolo di tre pagine, il racconto di un incubo su un set, dove niente e nessuno sembra collaborare fino in fondo (neanche il suo fedele direttore della fotografia, Sven Nykvst), men che meno lui stesso, l’artefice dell’opera, il Director delle operazioni. Con questo passaggio, una riflessione sul proprio lavoro e pensiero, chiude la descrizione del primo sogno ricordato.

Disperato, decido di tenere un breve discorso al personale riunito. Voglio dire che lavoro nel cinema da quarant’anni, ho girato quarantacinque film, cerco nuove strade, voglio rinnovare il linguaggio delle mie immagini, bisogna sempre mettere in discussione i propri risultati. Voglio far notare che sono un grande talento, un uomo di grande esperienza, e che il problema attuale è solo una bagatella.

Se volessi potrei arretrare e prendere un campo lunghissimo dall’alto, obliquamente, sarebbe un’eccellente soluzione. Veramente io non credo in Dio, ma la faccenda non è così semplice, tutti portiamo un dio dentro noi stessi, tutto forma una trama che ci pare a volte di riconoscere, soprattutto al momento della morte. Voglio dire questo, ma non ne vale la pena. La gente se n’è andata, s’è raccolta nelle profondità dello studio oscuro. Stanno l’uno accanto all’altro e discutono. Non riesco a sentire quel che dicono, vedo solo le loro schiene. 

Traduzione di Fulvio Ferrari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.