BERLINO63: Harmony Lessons (Emir Baigazin, 2013)

di Francesca Fichera.

Harmony Lessons è una cruda lezione di disarmonia condotta con rara eleganza dalla macchina da presa del kazako Emir Baigazin. Disarmonia rispetto alla violenza della vita e alla sua impietosa durezza. Si passa rapidamente dal simbolo di un sacrificio – lo sgozzamento di una bestiola, portato a termine quasi come un gioco – alla rappresentazione della cadenza rituale di un disagio costante e quotidiano. A subirlo è Aslan (Timur Aidarbekov), ragazzino povero e insicuro schernito dai compagni, facile a precipitare in una spirale di ossessioni paranoiche e disturbi ossessivo-compulsivi di stampo ipocondriaco. La sua ricercata geometria dell’esistenza mal collima con l’invadente disordine del mondo circostante: la miseria, la lordura, il bullismo, la solitudine. E se le prime possono essere tenute sotto controllo attraverso una metodica raccolta e segregazione di piccole colonie di scarafaggi, contro il resto è possibile far poco.

Bolat (Aslan Anarbayev), capogruppo dei teppisti della scuola, continua a perpetrare indisturbato i suoi soprusi, mentre insegnanti fin troppo placidi e indifferenti paragonano il denaro all’energia vitale, preoccupandosi finanche di spiegare il funzionamento delle armi da fuoco. Intanto, nei bagni e in altri luoghi poco visibili dell’edificio scolastico, si consumano senza sosta le grandi tragedie dei piccoli. Ma Aslan sceglie di ribellarvisi, lanciando il suo urlo muto a un cielo impassibile, a un paesaggio fermo e perfettamente delimitato dalla mdp di Baigazin, nonché dall’esemplare fotografia di Aziz Zhambakiyev: – che s’aggiudica l’Orso d’Argento per il Miglior Contributo Tecnico.

Finale senza speranza che capovolge la sorte del Pinocchio di Collodi: il Paese dei Balocchi si chiama “Happylon” ed è una realtà di serenità e pace agognata come il più succulento dei dolci esposto in vetrina. Di quelli finti e impossibili da comprare. Ma la supremazia del denaro è una serpe che corrode gli uomini fin dai loro primi passi, condizionandone il cammino fino a deviarlo. Harmony Lessons non lascia alternative a riguardo. Nudo e sporco come il Rosso Malpelo di Verga, è maestoso nel mettere sul tavolo della narrazione ogni dettaglio incorniciandolo in quadri dalla perfezione quasi astratta. Il contrasto di visione che genera è la traccia profonda che solca la memoria degli spettatori berlinesi. E, si spera, non soltanto la loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.