FEFF14: Rent-a-cat (Naoko Ogigami, 2012)

di Francesca Fichera.

“Ciò che non è normale per te può essere normale per gli altri”: così Rent-a-cat di Ogigami Naoko introduce e spiega se stesso – molto dopo il suo inizio. Un film che è una favola, mucchio di reiterati incontri, piccole scene che vedono il ripetersi di gesti, parole, situazioni, e che rintracciano la propria costante nell’eccentrica protagonista Sayoko (Ichikawa Mikako) e, naturalmente, negli onnipresenti, splendidi gatti. E non è altro che superficie, questa; perché sotto la luce morbidamente irradiata dal malinconico paesaggio giapponese, sotto le variopinte mise – un plauso a chi ha curato i costumi – della gattara e del suo tempio di affetto e tenerezza – la casa della nonna, ora monastero dedicato al suo ricordo e alla cura degli animali che tanto amava – c’è un preziosissimo cuore da spogliare. Se l’esterno è buono, lo è ancor di più l’interno.

Rent-a-cat, come tutti i racconti ben scritti, fa uso (gentile) di un’allegoria per interrogare e interrogarsi: sulla solitudine, sull’eterno, dilaniante confronto fra i presenti e gli assenti, i pieni e i vuoti dell’esistenza, che sono la fossetta lasciata dal cucchiaio nella crema, il foro sulla punta del calzino, una casa disabitata. Il lavoro di Sayoko è riempire i vuoti delle persone con dei batuffoli d’amore in affitto. Ma, finisce col chiedersi, ciò è sempre possibile oppure esistono spazi vacanti che niente e nessuno riuscirebbe a rallegrare? Con il suo ritmo flemmatico, simile in tutto e per tutto all’andatura di un felino, Rent-a-cat suggerisce che la risposta va cercata nel puro fatto di tentare: ne è la prova la stessa Sayoko, il suo incessante procedere attraverso le stagioni, con luci e abiti diversi ma senza mai rinunciare alla sua carretta piena di ceste e mici miagolanti. La cantilena rent-a-neko (trad.: affitta un gatto) trova, nelle sue repliche periodiche, la concretezza di una forma di coraggio: quello, mero e semplice, di andare avanti gustando i piccoli doni quotidiani, mentre i propositi e i vecchi ideali, dipinti con la forza del sogno, ingialliscono sulle pareti e si lasciano stracciare dal tempo.

Annunci

8 pensieri su “FEFF14: Rent-a-cat (Naoko Ogigami, 2012)

  1. (dopo aver letto gli articolo inerenti al FEFF14)

    Cinefatti – l’unico blog che ti fa piacere l’oriente, anche se lo si odia dal profondo dell’anima.

    Mi piace

    1. Siamo poco fiduciosi sulla questione distributiva (sempiterna!), dato anche il responso del pubblico alla premiazione finale (deludente, per quanto mi riguarda, e che appunto vede l’assenza di Rent-a-cat). Però cavolo, quanto meriterebbe questo film… Ti auguro di riuscire a trovare un modo per guardarlo, e intanto incrocio le dita affinché esca almeno una sua edizione inglese in dvd!

      – Frannie

      Mi piace

      1. Esattamente. Purtroppo ho dovuto leggere sulla pagina Fb del FEFF commenti di appassionati, che hanno avuto la fortuna di seguire il festival come noi, con frasi del tipo “mi stavo addormentando” e “che brutto”. E capisco che de gustibus non disputandum, ma dire che Rent-a-Cat è fra i peggiori del Far East 14 è un’empietà!
        – Fran

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.