"Fratelli d'Italia": L'allenatore nel pallone (1984) Sergio Martino

L’allenatore nel pallone, buono nel suo piccolo – di Roberto Manuel Palo.

Il 15 Aprile Linea d’Ombra organizzerà una maratona cinematografica notturna dal titolo Fratelli d’Italia all’interno del loro festival che riscuote, anno dopo anno, sempre maggior successo.

Tra le otto pellicole della maratona c’è L’allenatore nel pallone di Sergio Martino.

La trama

Oronzo Canà è un allenatore mediocre che non è mai andato oltre le squadre della serie B durante la sua carriera. L’occasione arriva quando la Longobarda viene promossa in serie A e il presidente Borlotti lo ingaggia.

Oronzo è molto emozionato, ignaro che il presidente lo ha ingaggiato per portare subito la squadra in serie B, non avendo i soldi per mantenere la squadra nella massima serie. Ma Oronzo si impegnerà al massimo per salvare la squadra grazie anche al suo pupillo Aristoteles. Ci riuscirà?

Per un tifoso napoletano sfegatato come me, il film diventa adorabile sin dai titoli di apertura dove, nell’unione tra nomi del cast e immagini, troviamo anche un Maradona che tiene sotto i piedi Lino Banfi, adoratore di Liedholm, prima allenatore della Roma e, successivamente, del Milan.

Il film è una commedia adatta a tutti, appassionati di calcio e appassionati del buttare la televisione dalla finestra quando a Rai 1 c’è la Champion’s League, a Rai 2 c’è la Nazionale Cantanti e a canale 5 c’è la partita del Grande Fratello Team.

Alla sua uscita L’allenatore nel pallone non ebbe molto successo perché alternava battute esilaranti a freddure, così da rendere il pubblico e la critica scettici. Ma ha la sua meritata notorietà grazie al rilascio della VHS nell’anno successivo all’uscita cinematografica e, successivamente, grazie al DVD uscito nel 2004 che ha venduto più di 60.000 copie.

Una parodia a tutto tondo

Sono molte le cose che vengono parodiate in questo film. Da operazioni prettamente calcistiche che nei primi anni Ottanta, in sede di calciomercato, entravano in vigore come interessanti novità, tipo la comproprietà, fino alla commedia erotica che, in quegli anni, stava cominciando a conoscere il suo periodo di declino e dove Lino Banfi era stato uno dei suoi principali interpreti.

Dal punto di vista della recitazione il risultato è molto scarso. Escluso Lino Banfi, gli altri interpreti sono paragonabili a una Laura Chiatti o a un Nicolas Vaporidis qualunque. Aristoteles (Urs Althais) sembra un robot sovraccarico che sta per esplodere. Per dire: in una scena dove suona la chitarra per la figlia di Oronzo, il labiale va fuori sincrono e la mano sinistra non si muove nonostante la musica continui.

Quando ho visto l’attore che interpreta Speroni (Stefano Davanzati) mi ha dato l’idea di essere stato preso direttamente dalla casa del Grande Fratello.

Nonostante tutto…

Nonostante tutto L’allenatore nel pallone fa ridere e oggi sono rimasti in pochi a non averlo ancora visto. Non è un capolavoro, è vero. Ci sono alcuni che si lamentano che film come quelli di Renoir, di Dreyer sono lontani anni luce da L’allenatore nel pallone, che i grandi registi sono da un’altra parte.

Ma io non penso che Martino volesse arrivare a livelli d’autore. Ha voluto fare un film d’intrattenimento che potrebbe essere visto tra un Renoir e un Dreyer. Poi se vi piacciono solo i film d’autore, allora è ovvio che dovete fuggire a gambe levate da tutta la filmografia di Lino Banfi.

Lasciamoci con uno degli scambi di battute più memorabili. Portato in trionfo dai due capi ultras della Longobarda dopo aver ottenuto la salvezza, Oronzo Canà dice:

“Mi avete preso per un coglione!”
“No! Sei un eroe”
“No! Mi avete preso per un coglione!”
“No! Sei un eroe!”
“Mi avete preso per un coglione, sotto la mano, mi fa male!”

See You Soon!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.